OVI Seminar Schedule

OVI VIDEOCONFERENCE SEMINAR SERIES 2022

Linguistic, Philological, and Literary Developments in the Italian Middle Ages

Wednesday, March 16

Giovanna Corazza: “Per lo studio di geografia e cartografia nella Commedia di Dante: fonti, forme testuali, valori metapoetici” (“Geography and Cartography in Dante's Commedia: Sources, Textual Forms, Metapoetic Values”)

Mentre la cosmologia della Commedia ha goduto nel tempo di notevole attenzione critica, la geografia terrestre presente nel poema è stata scarsamente esplorata sul piano dei procedimenti testuali, della molteplicità dei significati, della portata innovativa nella storia della raffigurazione territoriale. Le mappature verbali realizzate dal poeta aprono perciò ampi interrogativi relativi da un lato alla composizione e alla contestualizzazione della sua cultura geografica, dall’altro alle funzioni metapoetiche cui assolvono.

Giovanna Corazza svolge la sua attività di ricerca presso l’Università Ca’ Foscari di Venezia. Si è concentrata sul rapporto tra geografia e letteratura nella produzione italiana medievale e in particolare nell’opera di Dante. A questi temi ha dedicato diversi saggi.

 

Wednesday, March 30

Maria Fortunato: “Sulla lingua del diritto: il quinto libro della Somma del Maestruzzo” (The Language of the Law in the Fifth Book of the Somma del Maestruzzo)

La Somma del Maestruzzo è un adattamento in volgare della Summa de casibus conscientiae del domenicano Bartolomeo da San Concordio (1262-1347), testo dottrinale e al contempo compendio di diritto canonico e in parte civile. Il volgarizzamento, composto sul finire del Trecento, è diviso in cinque libri ed è attribuito al beato Giovanni dalle Celle, abate di Vallombrosa. Nell’intervento si discuterà del quinto libro dell’opera, che costituisce la prima trattazione dottrinale conosciuta di diritto, scritta in lingua volgare.

Maria Fortunato collabora con l’Opera del Vocabolario Italiano, dove attualmente lavora come ricercatrice a tempo indeterminato. Principali oggetti di ricerca: lingua e lessico della poesia settecentesca, in particolare pariniana; suffissazione e processi alterativi nella lingua italiana delle origini (sec. XIII-XIV); fonologia e morfologia delle varietà italoromanze medievali.

 

Wednesday, April 13

Lorenzo Dell’Oso: “‘Uno accidente in sustanzia’ (Vn XXV, 1): filosofia e lessico filosofico nelle opere fiorentine di Dante” (‘Uno accidente in sustanzia’ (Vn XXV, 1): Philosophy and Philosophical Lexicon in Dante’s Florentine Works)

Come racconta il Convivio, “alquanto tempo” dopo la morte di Beatrice Dante fa il suo “incontro” con la Filosofia. Tuttavia, la competenza filosofica che Dante dimostra nelle opere degli anni Novanta sarebbe ancora scarsa e acerba. È davvero così? Scopo dell’intervento è, da una parte, indagare i modi attraverso i quali il poeta potrebbe aver acquisito una conoscenza filosofica di base e, dall’altra, esaminare il lessico filosofico dantesco alla luce della lirica d’amore coeva e delle dispute teologiche che avevano luogo nei conventi fiorentini.

Lorenzo Dell’Oso è Research Fellow in Italian e IRC Postdoctoral Fellow presso il Trinity College di Dublino. Si occupa di Dante e dei rapporti tra letteratura italiana e pensiero medievale. Sta attualmente lavorando ad una monografia intitolata The Poet and the ‘Schools of the Religious Orders.’ Dante’s Scholastic Education in Florence (1290-1302).

 

Wednesday, April 27

Roberto Leporatti, Dario Pecoraro, and Tommaso Salvatore: “L’edizione digitale delle rime disperse di Petrarca” (The Digital Edition of Petrarch’s Rime disperse)

La tradizione manoscritta e a stampa attribuisce a Petrarca un gran numero di rime assenti nel suo Canzoniere. Partendo da un censimento completo dei testimoni, un’équipe di ricercatori dell’Università di Ginevra sta lavorando dell’edizione critica di questo corpus, nato da un nucleo originario di liriche rifiutate dall’autore poi arricchito e contaminato con testi di provenienza eterogenea, per ricostruirne la storia e la ricezione. Nell’intervento saranno presentati i criteri metodologici della ricerca e i risultati già pubblicati nel sito realizzato in collaborazione con l’OVI, con particolare attenzione alla digitalizzazione e alle modalità d’interrogazione del testo critico delle rime.

Roberto Leporatti è professore ordinario di Letteratura italiana del Medioevo e del Rinascimento all’Università di Ginevra dal 2006. I suoi principali interessi sono la letteratura italiana dalle Origini al Rinascimento, la poesia moderna e contemporanea, la storia della tradizione e la filologia.

Dario Pecoraro è chargé d'enseignement all'Università di Ginevra. Si è occupato di critica testuale applicata alla tradizione dei testi volgari dei secoli XIV-XVI e di storia della filologia italiana tra Otto e Novecento.

Tommaso Salvatore svolge attività di ricerca postdoc all'Università di Ginevra nel quadro di un finanziamento 'Ambizione' del Fondo Nazionale Svizzero. Si è occupato di poesia italiana del Trecento, filologia del Petrarca volgare, fortuna dantesca nelle arti visive.